Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti. Per ulteriore informazioni sull'utilizzo dei cookie e su come disabilitarli, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

image1 image2 image3
logotype

Orti Urbani

L'idea dell'"orto urbano", che con un lungo lavoro sono riuscito ad introdurre all'interno del contesto udinese nonostante le perplessità e addirittura l'iniziale contrarietà di gran parte del mondo politico cittadino, racchiude in sè due concetti di fondamentale importanza per il miglioramento della qualità della vita: il riappropriarsi degli spazi da parte dei cittadini, che si impegnano a curarli proponendosi quindi in prima persona come artefici di una città più verde e pulita, e la riscoperta delle radici contadine e di una cultura fatta di rapporti umani e di uno stile di vita che non ruoti soltanto attorno ai Centri Commerciali e che deve essere trasmessa anche alle giovani generazioni.

orti urbani 

Gli “orti urbani” sono appezzamenti di terreno attrezzati e concessi in uso a cittadini e associazioni per la coltivazione di ortaggi e fiori a scopi didattici, terapeutici o di sostentamento. Come cittadino, consigliere comunale e attraverso l'Associazione Alpi ho contribuito e sto contribuendo allo sviluppo di questo progetto nella città di Udine. I primi passi sono stati mossi nel 2011, e da allora si è cresciuti fino ad arrivare al momento attuale ad avere 4 aree a disposizione: 

Ortiurbani1 thumb                          Ortiurbani2 thumb

Sotto la guida del botanico e farmacologo dr. Antonino Danelutto, sono state piantate 140 piante alimentari e medicinali; ci stiamo impegnando per un recupero delle piante del passato, con le quali i nostri avi preparavano i cibi, con un occhio particolare alle piante utili ai pazienti con problemi respiratori.

orto


Grazie all'aiuto del dr. Danelutto, davanti ad ogni piantina è stato sistemato un cartello plurilingue con nome botanico, nome friulano con le diverse varianti conosciute, nome sloveno e nome tedesco, in cui vengono  descritte anche le caratteristiche delle piante, la parte commestibile e l'eventuale rischio per la salute.

 Cartellino esplicativo

Condividi
2017  Udine Respira - Il progetto per la città di Mario Canciani  globbers joomla templates