Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti. Per ulteriore informazioni sull'utilizzo dei cookie e su come disabilitarli, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

image1 image2 image3
logotype

Conferenza AMBIENTE E SALUTE

Schermata 2013-06-11 a 10.20.35

L’ALPI ha contribuito all’organizzazione della conferenza “Ambiente e Salute: Inquinamento atmosferico e delle catene alimentari, interferenze sul genoma umano e rischi per la salute”, che si terrà sabato 15 giugno 2013, fra le 9.00 e le 12.30 ad Udine, presso la Sala Ajace in Piazza Libertà. 

L’Ordine dei Medici di Arezzo, ha curato la pubblicazione di una monografia “Ambiente e Salute: Inquinamento, interferenze sul genoma umano e rischi per la salute” promossa da FNOMCeO ed ISDE Italia nel contesto del progetto congiunto “Per l’ambiente gli uomini sono responsabili, i medici due volte” al fine di indirizzare e promuovere la formazione in tema di prevenzione ambientale da svolgersi all’interno delle sedi ordinistiche.
L’opera consiste in lettura, analisi ed interpretazione, in chiave di revisione metanalitica, dei principali studi di eccellenza sulla correlazione Ambiente Salute. Essa ha l’indubbio pregio di condurre l’incrocio intelligente dei dati, selezionati ed interpretati con evidente rigore eticodeontologico, a focalizzare l’attenzione della comunità scientifica, e dei colleghi medici in particolare, sui meccanismi biologico- molecolari che, a livello epigenetico, risultano essere i principali mediatori di questa interazione. Il fine è promuovere, con sostanziale fondamento scientifico, riflessioni e azioni di anticipo delle conseguenze patogene attraverso la riduzione, e potenziale azzeramento, della immissione in ambiente delle sostanze evidentemente (prevenzione primaria) o suppostamente (principio di precauzione) classificabili come tossiche secondo un razionale scientifico aggiornato alle più recenti acquisizioni teoriche ed evidenze cliniche. La monografia ha la finalità di fornire ai medici elementi di conoscenza rinnovati e aggiornati per avvalorare scientificamente questo procedimento razionale, e quindi di riposizionarne il ruolo all’interno delle comunità di riferimento per quanto riguarda la salvaguardia del bene comune di salute, e non “solo” il suo ripristino (terapia) o la valutazione diagnostica.

Dalla premessa della monografia di Ernesto Burgio
Per decenni l'ambiente è stato infatti definito in modo vago e considerato come un determinante di salute fra i tanti. Cercheremo di spiegare come tutto questo sia frutto di un singolare fraintendimento e rischi di condurre a una fatale sottovalutazione di problematiche di importanza primaria non solo per la salute umana, ma per la stessa sopravvivenza della nostra specie... In che misura le migliaia di nuovi agenti chimici di sintesi e/o di scarto che abbiamo immesso in pochi anni in atmosfera e nelle catene alimentari possono interferire con il funzionamento, con la stabilità, con la corretta trasmissione del nostro DNA (o del nostro genoma) da una generazione all'altra? [...] negli ultimi anni la ricerca nel campo della biologia molecolare e, in particolare, dell''epigenetica ha dimostrato che le sollecitazioni (e/o informazioni) provenienti dall'ambiente: non solo vengono recepite, trasmesse, elaborate, integrate a vario livello ... non solo sono in grado di indurre \'epigenoma (cioè la componente più "fluida", da alcuni scienziati definita il software, del nostro genoma) a reagire, modificando nel continuo l'assetto cromatinico e quindi le potenzialità espressive e il funzionamento di miliardi di cellule;... ma sono addirittura in grado di interagire direttamente o indirettamente con la stessa sequenza-base del DNAinducendola a trasformarsi e modificando, in ultima analisi, il nostro fenotipo. Su queste basi possiamo affermare che non c'è modifica dei nostro fenotipo che non sia indotta dall'ambiente (cioè da informazioni provenienti da questo) e modulata dall'epigenoma.

PROGRAMMA

9.00 - 9.30: Saluto del Presidente dell’Ordine dei Medici di Udine, Maurizio Rocco, e dei rappresentanti di FIMMG AIDM Associazione Italiana Donne Medico, SIMG Società italiana Medicina Generale, ISDE FVG Mariano Cherubini Romano Paduano, Gigi Canciani

9.30 -10.00 2013 Anno Europeo della Qualità dell’Aria 
Pierluigi Barbieri

10.00 - 10.45: Ambiente e salute: inquinamento atmosferico e delle catene alimentari. La rivoluzione epidemiologica del XX- XXI secolo: l'incremento delle malattie del neuro-sviluppo, neuro-degenerative e tumorali
Ernesto Burgio

10.45 - 11.00: Buone Pratiche per la Prevenzione Primaria sperimentate a Udine
Rete Città Sane, Udine

11.00 - 12.00: La rivoluzione epidemiologica del XX-XXI secolo: la pandemia di obesità e diabete
Ernesto Burgio

12.00 – 12.30: Discussione in plenaria
Mario Canciani

SCARICA IL FLYER DELLA CONFERENZA

 

Condividi
2017  Udine Respira - Il progetto per la città di Mario Canciani  globbers joomla templates