Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti. Per ulteriore informazioni sull'utilizzo dei cookie e su come disabilitarli, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

image1 image2 image3
logotype

Anziani all'aperto

Il 25 settembre, in occasione dell’“Anno europeo dell’invecchiamento attivo e della solidarietà tra le generazioni” ho tenuto una riunione con i pensionati della CGIL, illustrando i problemi di salute legati all’inquinamento atmosferico e il corretto utilizzo della terapia aerosolica, con alcune dimostrazioni pratiche.

L’uditorio si è dimostrato molto interessato, ponendo una serie di domande sulle problematiche trattate. Può sembrare strano che si parli di inquinamento a delle persone anziane, nelle quali la prevenzione ha poco valore. Ritengo invece che i messaggi culturali, tra cui rientrano anche quelli medici, debbano essere offerti a tutta la popolazione, la quale poi lo diffonde sia ai coetanei, sia ai più giovani.

Riunione pensionati

Non dimentichiamo che l’inquinamento atmosferico è responsabile, oltre che delle malattie respiratorie e tumorali, anche del 30% delle malattie cardiovascolari acute (infarto, ictus ed emorragie cerebrali).

L’interesse era motivato non solo come pazienti, ma anche come nonni di bambini che respirano l’aria inquinata delle nostre città.

Ai partecipanti ho consegnato una copia del manuale sulle malattie respiratorie ed allergiche edito dall’ALPI e delle fotocopie con il testo della relazione.

SIP-CGIL

Condividi
2017  Udine Respira - Il progetto per la città di Mario Canciani  globbers joomla templates